Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



News

Il punto G esiste. Ecco dov'è

Dopo anni di dibattiti, i ricercatori americani di St. Petersburg hanno isolato e descritto anatomicamente il fulcro del piacere femminile. Rimangono alcuni misteri.

redazione
mercoledì 25 aprile 2012 23:05

Dopo anni di accesi dibattiti, di scetticismo, scoperte e ripetute smentite, ora il punto G, il fulcro del piacere femminile è stato per la prima volta anatomicamente isolato e descritto: il punto G si trova tra apparato genitale e urinario e forma un angolo di 35 gradi con la parete laterale dell'uretra. Il lavoro di individuazione del tessuto, svolto sul corpo di una donna deceduta a 83 anni, e' firmato da Adam Ostrzenski dell'Institute of Gynecology di St. Petersburg in Florida.

Il Punto Grafenberg, o punto-G, fu così chiamato per ricordare il ginecologo tedesco Ernst Grafenberg, che per primo lo descrisse oltre 50 anni fa, situandolo sulla parete frontale della vagina a un'altezza di circa 2 centimetri e mezzo. Ricercatori inglesi del King's College di Londra avevano in passato negato l'esistenza del punto, definendolo solo un mito alimentato da riviste e terapisti sessuali. Ma qualche tempo fa Emmanuele Jannini Docente di Sessuologia Medica dell'Università degli Studi de L'Aquila, è stato il primo ad avvistare il misterioso punto che apre alle gioie dell'orgasmo vaginale: la presenza a livello anatomico del Punto G è stata osservata su un campione di donne con un semplicissimo strumento di uso routinario nella diagnostica, l'ecografia transvaginale e riportata sul Journal of Sexual Medicine, la stessa rivista su cui oggi pubblica Ostrzenski.

Ora l'ultimo studio americano conferma la sua esistenza e svela anche le dimensioni del punto G: lunghezza 8,1 millimetri, larghezza da 3,6 a 1,5 mm, altezza 0,4 mm. Una volta estratto, il tessuto del punto G è estendibile fino a oltre 30 mm e somiglia al tessuto erettile (il tessuto cavernoso) dei genitali maschili e del clitoride.

Resta da chiarire se questo ispessimento sia presente e nella stessa posizione nel corpo di tutte le donne, spiega Ostrzenski in un'intervista; ma Jannini nel suo studio ne documentava la presenza solo in una parte del suo campione, non a caso le donne capaci di orgasmo vaginale. Bisogna anche capire se è più sensibile perche' piu' fittamente innervato. Ma lo studio di Ostrzenski dà una conferma dell'esistenza anatomica del punto G e secondo l'esperto questa 'prova anatomica' potrebbe avere implicazioni cliniche e anche futuribili applicazioni commerciali.

Commenti