Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



News

Una strada per Rita, quando la parità di genere comincia dalle vie

In un libro rivolto alle bambine e ai bambini Maria Grazia Anatra spiega l'importanza di una toponomastica rispettosa delle figure femminili

redazione
venerdì 17 marzo 2017 20:51

In Italia solo il 4% delle vie sono intitolate alle donne. Si tratta per lo più di sante, madonne, beate. Ma dove sono finite le scienziate, le artiste, le scrittrici, che pure non mancano?
Nel libro "Una strada per Rita", pubblicato da Matilda editrice, Maria Grazia Anatra, presidente dell'associazione Woman to be, si rivolge alle bambine e ai bambini per spiegare che attraverso nomi di donne illustri per indicare vie, piazze, strade si insegna ai maschietti il rispetto per le compagnette, e alle bambine ad avere validi punti di riferimento.
Il libro sta già suscitando grande interesse. Tra il 3 e il 6 aprile sarà presentato alla Fiera del libro di Bologna.