Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop

 
Connetti
Utente:

Password:



Attualità

Mogli dell'Est: chiusa la trasmissione "per famiglie"

La Rai ha detto stop alla trasmissione "Parliamone sabato". Ma nel servizio pubblico c'è ancora molto da fare

redazione
lunedì 20 marzo 2017 22:15

Bene, la Rai ha chiuso la trasmissione Parliamone sabato. Dopo l'indignazione per l'ultima demenziale puntata sulla "convenienza" a scegliersi in moglie donne dell'Est la decisione è stata annunciata dal direttore generale Antonio Campo Dall'Orto. Programma cancellato sia per i "contenuti che contraddicono la mission di servizio pubblico", sia - aggiunge il DG nell'anglolinguaggio che caratterizza i manager - accelerando "la revisione del daytime di Rai1 su cui stavamo già lavorando da tempo".
Ma davvero le proteste hanno solo accelerato una scelta già in atto? Allora come mai sinora e in tutti i suoi comunicati la Rai lo raccontava con queste parole: "Parliamone sabato. Il programma che intrattiene tutta la famiglia. Al timone della trasmissione pomeridiana il volto familiare di Paola Perego"; "Un vero e proprio People Show, fatto da gente comune che si racconta e si confronta, dove ci sarà spazio per storie emozionanti, divertenti, ma anche per riflettere su temi di grande attualità". Altro che riflettere da parte degli utenti tradizionali di un programma come questo: sull'ammiraglia Rai1 e alle 16.30 del sabato a seguirlo c'è proprio la famiglia, coi bambini in prima linea.

C'è molto da fare, ancora. E per cominciare a vigilare sottolineiamo gli impegni assunti dal Contratto d'assegnazione di servizio pubblico (alla Rai, per dieci anni), nei punti uno e sei dell'Articolo 1 : "Oggetto della concessione e definizione della missione di servizio pubblico radiofonico televisivo e multimediale. 1- La concessione ha per oggetto il servizio pubblico radiofonico, televisivo e multimediale da intendersi come servizio di interesse generale, consistente nell'attività di produzione e diffusione su tutte le piattaforme distributive di contenuti audiovisivi e multimediali diretti, anche attraverso l'utilizzo delle nuove tecnologie, a garantire un'informazione completa e imparziale, nonché a favorire l'istruzione, la crescita civile, il progresso e la coesione sociale, promuovere la lingua italiana, la cultura e la creatività, salvaguardare l'identità nazionale e assicurare prestazioni di utilità sociale. (.) 6- La società concessionaria è garante della qualità dell'informazione, secondo i principi di completezza, obiettività, indipendenza, imparzialità e pluralismo, promuovendo le pari opportunità tra uomini e donne e assicurando il rigoroso rispetto della dignità della persona, nonché della deontologia professionale dei giornalisti."

Infine e a latere segnaliamo una grottesca interpretazione "politica" della motivazione di chiusura, da parte del quotidiano "Libero": http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/12335289/vendetta-politica-su-paola-perego-e-lucio-presta--cancellato-parliamone-sabato.html
Qui c'è invece la posizione espressa da Gi.U.Li.A questa mattina: comunicato