Una Carta di Parità per le giornaliste. Firmato Fornero

'Franco Siddi (Fnsi) e la ministra del Lavoro e Pari Opportunità siglano l''accordo. Obiettivi: realizzare la parità di genere e, allo stesso tempo, difendere la libertà di stampa'

Stop violenza

Stop violenza

Redazione 5 aprile 2012
'Roma, 5 apr - [b]Lottare contro tutte le forme di discriminazione sul luogo di lavoro[/b], valorizzare le diversita'' all''interno dell''organizzazione aziendale con particolare riguardo alle pari opportunita'' tra uomo e donna e favorire l''occupazione femminile. Con questi obiettivi il segretario della Fnsi (Federazione nazionale della Stampa Italiana), Franco Siddi, ha firmato la Carta di Parita'' del ministero del Lavoro, alla presenza della ministra Elsa Fornero e della presidente della Commissione Pari Opportunita'' della Federazione, Lucia Visca. ''''Gli obiettivi della carta - ha detto Fornero - sono condivisibili e scritti in modo facile, il difficile sara'' tradurli nelle pratiche quotidiane. Spero che, dopo la firma, questa Carta non resti in un cassetto, ma sia l''inizio di un percorso''''. Un percorso, ha spiegato Visca, ''''che deve portare alla piena realizzazione dell''occupazione femminile e alla parita'' di genere''''. [b]Una parita'' da tutelare[/b], nel caso delle giornaliste, per difendere anche la liberta'' di stampa: ''''Se la giornalista si trova nella condizione di aver paura di qualcosa, viene messa a rischio la libera e corretta informazione''''.


[b]Per raggiungere gli obiettivi delineati[/b], nella Carta si elencano alcune azioni concrete, tra cui: ''''definire e attuare politiche aziendali che, a partire dal vertice, coinvolgano tutti i livelli dell''organizzazione nel rispetto del principio della pari dignita'' e trattamento sul lavoro; [b]superare gli stereotipi di genere[/b], attraverso adeguate politiche aziendali, formazione e sensibilizzazione, anche promuovendo i percorsi di carriera''''. E ancora: ''''Integrare il principio di parita'' di trattamento nei processi che regolano tutte le fasi della vita professionale e della valorizzazione delle risorse umane, affinche'' le decisioni relative ad assunzione, formazione e sviluppo di carriera vengano prese unicamente in base alle competenze, all''esperienza, al potenziale professionale delle persone e monitorare periodicamente l''andamento delle pari opportunita'' e valutare l''impatto delle buone pratiche''''.


[b]La Commissione pari opportunita'' della Fnsi[/b], ha detto ancora Siddi, ''''ha presentato alcune proposte alla consigliera per le pari opportunita'' del ministero del Lavoro e spero in un''interlocuzione attraverso un tavolo paritetico con le aziende editoriali affinche'' la carta venga applicata per superare le differenze''''. Siddi ha citato alcuni problemi da risolvere, sul fronte del lavoro, come ''''le [b]resistenze ai contratti part-time[/b], i precari, categoria di deboli, spesso vittime di soprusi che non sempre arrivano al sindacato e cosi'', nel silenzio, avvengono ''delitti di diritti umani''. Per questo con la commissione pari opportunita'' abbiamo creato uno sportello di denuncia perche'' la legalita'' venga rispettata''''.


[b]Un altro problema ''''e'' quello delle partite Iva[/b] che sono quasi sempre un lavoro dipendente camuffato'''' mentre Siddi ha plaudito ''''il contratto a termine da pagare di piu'' perche'' bisogna privilegiare quello a tempo indeterminato''''. Infine, una parola sui ''''[b]licenziamenti facili[/b]'''', particolarmente temuti dalla categoria ''''perche'' e'' facile far passare un licenziamento disciplinare con un licenziamento economico, il nostro e'' un mondo sotto tiro, ce'' la convinzione che quella dei giornalisti sia una grande casta, mentre invece migliaia di colleghe e colleghi fanno fatica a mettere insieme il pranzo con la cena''''.


[b]La Carta di Parita'' e'' stata sottoscritta da moltissime aziende[/b] e Pubbliche Amministrazioni italiane ed e'' sostenuta, tra gli altri, dal ministero del Lavoro, delle Pari Opportunita'', la Fondazione Sodalitas, Ucid (Unione cristiana imprenditori dirigenti), Uir Femminile Plurale, Legacoop Commissione Pari Opportunita'', Cidec, Cgil, Cisl, Ugl e Uil.


[b]
Fornero, superare lo stereotipo della donna [i]leggera[/i] che fa carriera.[/b]
''''Trovo sgradevole la mentalita'' che vede una donna immorale, frivola, leggera'''' quando viene scelta per un lavoro, per una posizione importante. Lo ha evidenziato la ministra durante l''incontro aggiungendo che "si tratta di uno [i]stereotipo[/i] che in Italia bisogna superare, una mentalita'' ammiccante, per cui spesso quando si sceglie una donna per lavoro si pensa che sia stata scelta per altri motivi che non siano il merito''''. Uno stereotipo che invece non ''''viene mai riferito agli uomini, mentre invece ci sono personalita'' mediocri con moralita'' mediocri''''. E allora [b]per superare qesto genere di pregiudizi[/b] ''''bisogna cominciare dai bambini, [b]dalle scuole[/b], bisogna insegnare che le differenze sono un valore, cosi'' come le differenze di genere''''. Anche perche'' ''''noi siamo considerati anche all''stero un paese che da'' delle sue donne una pessima immagine, anche per distorsioni dei media. La questione e'' il modo in cui il giornalismo ha rappresentato la societa'': rissosa, astiosa, dove non c''e'' discussione e sembra mancare rispetto. Non so se la societa'' e'' cosi'' e le giornaliste e i giornalisti la rispecchiano o se c''e'' una distorsione e la societa'' e'' meno astiosa''''. Certo e'', ha concluso, ''''che c''e'' tantissimo da fare e [b]spero che questa Carta non resti in un cassetto ma sia l''inizio di un percorso''[/b]''. '