Il lessico della famiglia Paggi

Il 9 aprile a Milano (Unione femminile, c.so di Porta Nuova 32) presentazione di "Il vicolo degli azzimi", di Vera Paggi.

Il tribunale di Bari

Il tribunale di Bari

Redazione 8 aprile 2013

Vera Paggi ha recuperato fra le carte familiari diario, lettere e poi brani di racconti dei sopravvissuti e – nel giro di anni, tenacemente, mentre nel frattempo faceva (come capita alle donne) “tutto il resto”, ossia la professione, l’impegno nel sindacato e nella categoria, due figli e un tot di adulti (marito e genitori) da crescere e gestire, produzione di video e biografie altrui, …- ha scritto e pubblicato questo “Vicolo degli azzimi” che verrà presentato a Milano a ridosso del 25 aprile. Ossia il 9 aprile alle 18 in corso di Porta Nuova 32, all’Unione femminile.


La storia? Il 4 marzo 1944 è la data chiave, quella fra il prima della vita “normale” di una famiglia borghese intellettuale a Pisa e il dopo della fuga precipitosa oltre le Alpi oppure oltre l’oceano oppure tragicamente in battaglia per la libertà in Croazia…


In quella data una donna coi suoi sei bambini si rifugia in Svizzera, separata dal marito, che, docente all’ateneo pisano, ne era stato espulso in quanto ebreo ed aveva fortunosamente raggiunto il Venezuela…


“Vicolo degli Azzimi – Dal ghetto di Pitigliano al miracolo economico”, di Vera Paggi, è edito da Panozzo editore. E la presentazione milanese del 9 aprile avverrà come un dialogo fra donne, due giornaliste, l’autrice Vera Paggi e la collega Laura Longo (entrambe della redazione milanese di RaiNews24), e Concetta Brigadieci dell’Unione femminile nazionale.