GiULiA al Tg2: evitate questi errori

Il comunicato di Giulia: il servizio su Franca Rame trasmetteva un messaggio inaccettabile, basta con parole fuorvianti sulla violenza contro le donne.

Il tribunale di Bari

Il tribunale di Bari

Redazione 31 maggio 2013

Bene le scuse del Tg2, ma il servizio pubblico deve evitare i troppi errori di “genere” che ancora vanno in onda nei Tg e nei programmi di Rete. Anche se non intenzionalmente, il servizio su Franca Rame trasmetteva un messaggio inaccettabile: “Usava la bellezza fisica finchè fu stuprata”.

Un “finche” di troppo che ha offeso la sensibilità di tante e tanti telespettatori. E con una grave omissione: che gli autori dello stupro, subito da Franca Rame, fossero fascisti. Errori, di chi ha scritto il pezzo. Errori di chi lo ha controllato. Apprezziamo molto che il Tg2 se ne sia scusato nell’edizione della sera. Resta il vistoso scivolone del servizio pubblico, proprio nel giorno che la Rai ha voluto dedicare alla lotta al femminicidio.

La lotta però comincia dalla cultura e non si faranno passi avanti finchè l’informazione continuerà a trasmettere messaggi sbagliati e fuorvianti sulla violenza contro le  donne. Quello del Tg2 è solo l’ultimo caso. Errori e inconsapevolezza non possono più essere scusanti.

Di fronte alla strage di donne in atto e all’impegno promesso dalle istituzioni, la Rai deve fare di più fino in fondo la sua parte: GiULiA, la rete delle giornaliste unite libere autonome, si batte perché si affermi una maggiore qualità professionale nelle redazioni, condizione necessaria a una più alta qualità dell’informazione.

E chiede  che sia varato un piano formativo che coinvolga i giornalisti a tutti i livelli, dai direttori, ai dirigenti ai redattori.  Su questi temi è ora di formare e affermare una sensibilità diversa negli operatori dell’informazione. Aspettiamo la Rai alla prova dei fatti.