Sotto la Madonnina, contro la violenza

Le iniziative a Milano (e in Lombardia) per il 25 novembre. Prosegue (fino al 6 dicembre) la mostra di GiULiA "Chiamala violenza, non amore".

Stop violenza

Stop violenza

Redazione 22 novembre 2013
'

L''iniziativa centrale di Milano è rappresentata dal presidio in Piazza San Babila, dove lunedì 25 novembre verrà allestito a cura di Cgil Cisl e Uil, un gazebo che sarà attivo dalle 11.00 alle 16. 00. Durante tutto l''arco della giornata si susseguiranno comizi di rappresentanti di varie associazioni impegnate nel contrasto alla violenza e verrà diffuso materiale.

Prosegue la mostra fotografica di GiULiA, che raccoglie le migliori fotografie del concorso "Chiamala violenza non amore", allestita negli spazi antistanti il salone Di Vittorio (sino al 6 dicembre). Durante il periodo dell''allestimento della mostra saranno proiettati tre spot contra la violenza sulle donne realizzati dagli studenti della Scuola del cinema, con il contributo anche di Pp Cgil Milano e Flc Cgil Milano.

Una foto anche per dire "Basta!": in piazza Scala e,
in caso di pioggia, nel cortile di Palazzo Marino si svolgerà una ''azione''
diversa: le cittadine ed i cittadini sono invitati a farsi fotografare per ''metterci la faccia'' su un pannello - urlo collettivo che grida BASTA! alla violenza contro le donne (dalle 8 del mattino alle 20 di sera ci saranno dei fotografi che si offrono di riprendere i nostri volti che andranno a formare un mosaico collettivo contro la violenza sulle donne).

Per la campagna ''Un posto occupato'': nell’atrio della Camera del Lavoro, campeggerà una sedia rossa, a simboleggiare il posto lasciato libero da una donna che un marito, un ex, un amante, uno sconosciuto, ha ammazzato.

Il 28, invece, la Provincia organizza una fiaccolata da piazza S.Babila a Palazzo Isimbardi (ore 16). A seguire consiglio provinciale straordinario con la proiezione del video di GiULiA.


[b]
Lombardia[/b]

[b]Bergamo[/b] - sabato 23 novembre, corteo provinciale da Piazzale della Stazione (a partire dalle ore 14.30) che si snoderà per viale Papa Giovanni XXIII, via Tiraboschi, via Zambonate, Largo Cinque Vie per giungere, infine, in Piazza Pontida. Titolo e slogan dell’iniziativa: “Camminiamo insieme contro la violenza alle donne”.


[b]Brescia [/b]- 25 novembre in piazza Loggia dalle 17 alle 19 nello spazio voluto dalle diverse associazioni per riflettere, parlare, ascoltare, cantare e fare proposte. Organizzato da Se non ora quando?, Casa delle donne, Maschile Plurale, Colori e Sapori. Il cerchio delle donne, Consultorio familiare onlus via Volturno,CGIL Brescia.


[b]Brianza[/b] - 25 novembre, ore 14.00 - 17.00, Sala consigliare Circoscrizione 3, via D’Annunzio, 35 – Monza CONVEGNO: “L’ho uccisa perché l’amavo. FALSO!”, Coordinamento donne Spi-cgil, Fnp-cisl, Uilp-uil, Monza e Brianza in collaborazione con CGIL, CISL, UIL, Monza e Brianza.


[b]Como[/b] - 23 novembre, Piazza Duomo, la Cgil partecipa all''iniziativa organizzata da Telefono Donna. Il 25 novembre presso il Palazzo Cernensi, presentazione della proposta di delibera per l’adesione del Comune di Como alla campagna città libera dalla pubblicità offensiva; infine l''Auser Como ha organizzato incontri con le scuole sul tema della violenza sulle donne nelle giornate del 13, 20 e 27 novembre.


[b]Cremona[/b] - 25 novembre, la Cgil Cremona aderisce allo Sciopero delle donne. Le Camere del lavoro esporranno alle finestre un drappo rosso.


[b]Lecco[/b] - 26 novembre 2013, dalle ore 9.30 alle 13 presso la Cgil di Lecco, Via Besonda, 11. Il Coordinamento Donne Cgil e Spi Cgil di Lecco organizzano il convegno “Violenza contro le donne. Voltiamo pagina”.


[b]Lodi[/b]: domenica 24 novembre, ore 9.30 partenza Piazza della Vittoria, ore 11.00 arrivo in Piazza della Vittoria Camminata contro la violenza sulle donne.


[b]Mantova[/b] - 25 novembre manifestazione in piazza Martiri della Libertà (con corteo) dalle ore 17,30 organizzato da numerose associazioni e con il sostegno di numerosi comuni mantovani, della Provincia e della Commissione Pari Opportunità che hanno aderito allo sciopero delle donne; nella camera del lavoro di Mantova si terrà un flash mob (durante la mattinata) di circa 15 minuti che coinvolgerà tutte le donne lavoratrici delle categorie, servizi e apparato.


'