“Fra lei e lui (più l’amante) il ladro vince”

Furto con stereotipo sessista. Due storie vere per riflettere.

Stop violenza

Stop violenza

Redazione 25 marzo 2017

Due storie di messinscena con furto, verificate, ossia di fonti sicure e dirette. Interessanti per gli automatismi mentali contro i quali da tempo abbiamo lanciato l’allerta ai colleghi giornalisti esortandoli, ad esempio sui casi di femminicidio, a non scrivere: in preda a “raptus” ha ucciso la fidanzata...

Il primo caso, a Milano, in metrò, una settimana fa: in una carrozza affollata uno perde l’equilibrio, cade su una donna che a sua volta fa cadere altri tre o quattro passeggeri. Si sollevano, mi scusi, niente di rotto, mi spiace, intanto le porte si aprono alla fermata e l’uomo e la donna scendono. Più tardi, troppo tardi, uno dei capitombolati si accorge di non avere più il portafogli.

Il secondo caso, a Roma, in via Giulia, nelle ore centrali d’un giorno d’inizio marzo: una donna elegante viene assalita da un uomo elegante che le fa una scenata da marito tradito e in un crescendo di urla le strappa di dosso la pelliccia “Te l’ha regalata il tuo amante” e se ne va di corsa con pelliccia e borsa minacciando “Ti aspetto a casa”. Peccato che la signora non conoscesse l’individuo. Era stata rapinata, ma gli astanti non erano intervenuti perché, si sa, tra moglie e marito non mettere dito...

Lo racconto non solo per informare e mettere in guardia – che può essere utile - , ma soprattutto per sottolineare i guai che provocano certi stereotipi sui rapporti di coppia. Nel primo caso l’incidente è reale, anche se causato apposta e strumentalmente per distrarre le vittime destinate. La tecnica di causare un imprevisto, un’emergenza è infatti antica e serve a far concentrare l’attenzione solo sulla novità dell’evento. Nel secondo caso invece è tutto falso, cioè i due non sono marito e moglie e l’obiettivo del ladro non è distrarre la rapinata, ma far concentrare gli astanti su uno stereotipo (“i panni sporchi si lavano in famiglia”) così dissuadendoli dall’intervenire.