Giulia è finalmente ente formatore

'Ieri a Roma il Consiglio nazionale dell''ordine dei giornalisti ha approvato definitivamente la nostra richiesta'

globalist syndication

globalist syndication

Redazione 18 maggio 2017

Care Giulie, abbiamo una bellissima notizia da darvi: ieri a Roma nel corso della seduta del Consiglio nazionale dell''ordine dei giornalisti è stata approvata definitivamente la richiesta di GiULiA di costituirsi ente formatore. 


D'ora in poi potremo quindi organizzare corsi di aggiornamento per i  colleghi senza chiedere l''appoggio di altri enti o dell''Ordine regionale.
E'' stato un lungo percorso, perché abbiamo dovuto presentare le credenziali di tre anni di corsi formativi. Abbiamo recuperato la documentazione dei corsi tenuti negli anni precedenti, e soprattutto la certificazione dell''Università Statale di Milano, dove si sono tenuti, per gli studenti del Master di Giornalismo Walter Tobagi, i primi 4 corsi da cui poter far data, dal novembre 2012 ad aprile 2013: titolo "Errori di genere", docenti Camilla Gaiaschi e Maria Teresa Manuelli. A partire da allora molti, continuativi e interessanti sono stati gli incontri organizzati da GiULiA  in giro per l''Italia. Lezioni che hanno avuto un grande riscontro e gradimento e, cosa per cui dobbiamo essere tutte orgogliose.


A partire dallo scorso autunno quindi abbiamo avviato la pratica di
riconoscimento, e superato ( con una lentezza indipendente dalla nostra volontà) i numerosi passaggi obbligatori: accettazione da parte dell''Ordine nazionale, esame del Comitato Tecnico Scientifico (non ne avevamo bisogno, ma tutte noi Giulie consigliere e facenti parte del Cts abbiamo potuto vegliare sulla regolarità dei passaggi), approvazione da parte del Consiglio Nazionale, invio al Ministero di Giustizia per esame e approvazione, ritorno in Consiglio Nazionale e conferma definitiva. L''ultima votazione ieri pomeriggio.


Da ieri dunque possiamo assumerci la totale responsabilità delle nostre proposte. Che saranno sottoposte come sempre al Comitato tecnico Scientifico, ma che come ho già detto potranno avere la nostra totale maternità. Sappiamo che già ci sono in cantiere proposte importanti: facciamo che
il traguardo che abbiamo raggiunto ci incoraggi a continuare a raccontare ai colleghi giornalisti come si declina, come si racconta, come si propone la figura delle donne in maniera dignitosa, equa, corretta. Buon lavoro a tutte e a prestissimo!


 


'