Odio in rete, le responsabilità dei giornalisti

Giulia chiede l'intervento dell'Ordine dopo il tweet "La Boldrini attesa sulla rambla" del collega Paolo Giordano

Internet

Internet

Redazione 24 agosto 2017

Questa storia ci riguarda. Due volte. Come donne e cittadine, ma ancor più come giornaliste che con Giulia si battono per un'informazione con temi e linguaggio corretti paritari e liberi da stereotipi.


Questa storia ha il nome di un collega che abbiamo deciso di denunciare all’Ordine di appartenenza: Paolo Giordano, iscritto all'elenco dei professionisti del Piemonte.


Giordano si è inserito nel flusso dei commenti sull’attentato di Barcellona chiamando in causa la presidente della Camera Laura Boldrini con un tweet offensivo e fuori luogo.


Come donne e cittadine, appunto, non possiamo abituarci al dilagare dell’odio in rete men che meno se a farlo è un giornalista, che ha regole deontologiche da seguire on line ed off line. Uno che dovrebbe dare l’esempio e non scrivere post contro le istituzioni e le donne.


Per questo abbiamo deciso di chiamare in causa l'Ordine, perché non possiamo lasciar passare sotto silenzio l’ennesimo messaggio di odio.