La Scala licenzia la ballerina Garritano. Scrisse di anoressia fra le colleghe

Autrice di "La verità, vi prego, sulla danza!", dichiarò che una danzatrice su 5 è anoressica. Le motivazioni del Teatro: danno di immagine

Il tribunale di Bari

Il tribunale di Bari

Redazione 3 febbraio 2012
'Milano, 3 feb - La ballerina Mariafrancesca Garritano e'' stata licenziata dal teatro alla Scala per giusta causa. Si tratta di una decisione non dovuta al suo libro [i]La verita, vi prego, sulla danza![/i] ma alle interviste successive a partire da quella che rilascio'' all''Observer in cui dichiaro'' che una ballerina su cinque alla Scala soffre di anoressia. Il Teatro ha motivato il licenziamento con il danno di immagine che ha ricevuto per le dichiarazioni della ballerina e con la fine della fiducia.

''''Il Teatro alla Scala - spiega una nota - si e'' visto costretto a risolvere il rapporto di lavoro con la signorina Maria Francesca Garritano in seguito alle interviste e dichiarazioni pubbliche da lei rilasciate ripetutamente in un ampio arco di tempo; dichiarazioni nelle quali si e'' concretizzata una lesione dell''immagine del Teatro e della sua Scuola di Ballo, nonche'' la violazione dei doveri fondamentali che legano una dipendente al suo datore di lavoro, facendo venir meno il necessario rapporto fiduciario che e'' alla base di tale legame''''. La notizia ha creato un certo stupore nel corpo di ballo, anche se in molti non avevano gradito le parole di Garritano, definite falsita'' in una lettera aperta appesa in bacheca.
'