Test di verginità e test anali, proteste contro il governo a Beirut

'La manifestazione dopo l''arresto di 36 persone. In Libano l''omosessualità è punita fino ad un anno di carcere'

Il tribunale di Bari

Il tribunale di Bari

Redazione 12 agosto 2012
'Beirut, 11 ago - Decine di persone hanno dimostrato oggi davanti alle corti di giustizia di Beirut per protestate contro il ricorso a [i]test [/i]anali su uomini sospettati di omosessualità, considerata reato. La manifestazione si è tenuta dopo l''operazione condotta dalla polizia il 28 luglio scorso in un cinema gay di un quartiere popolare della capitale libanese, che ha portato all''arresto di 36 uomini, sottoposti a tale esame. La protesta di oggi è stata organizzata dall''associazione Helem, ritenuta il principale gruppo di sostegno dei diritti di lesbiche, omosessuali, bisessuali e transessuali nel mondo arabo, sotto lo slogan [b]Ribellatevi contro i test della vergogna, vaginali o anali[/b]. L''associazione ha così voluto esprimere il suo sostegno anche alle donne costrette a subire i cosiddetti [i]test della verginità[/i]. "Siamo qui perché vogliamo una chiara presa di posizione da parte del ministero della Giustizia sul fatto che questo genere di test dovrebbero essere completamente aboliti o perseguiti dalla legge - ha detto un manifestante, George Azzi - Il sindacato della classe medica ha dichiarato che sono irrilevanti dal punto di vista scientifico ed è illegale per i medici eseguirli, ma questo non impedisce alla polizia di richiederli". Secondo l''articolo 534 del Codice penale libanese, le relazioni sessuali "contrarie alle leggi della natura" sono illegali e i responsabili di violazione possono essere puniti con condanne fino a un anno di reclusione.'