Tang Hui libera. Voleva pene più aspre per chi stuprò sua figlia

La bambina era stata rapita in Cina da 7 uomini e costretta alla prostituzione. La mobilitazione su Internet per liberare Tang punita con il campo di lavoro per le sue proteste

Stop violenza

Stop violenza

Redazione 16 agosto 2012
'Pechino, 15 ago - Tang Hui, una donna cinese condannata a 18 mesi di [i]rieducazione[/i] in un campo di lavoro per aver chiesto pene più severe contro i sette uomini che avevano costretto la figlia 11enne a prostituirsi, è stata liberata dopo una forte mobilitazione in suo favore su Internet che ha smosso l''opinione pubblica.


[b]Una storia che ha dell''incredibile[/b] nella Cina [i]post moderna[/i] e [i]precapitalistica[/i] al di là delle ragioni individuali. I fatti, in breve. Tang Hui era stata condannata per aver protestato con veemenza, in più occasioni, davanti agli uffici governativi, contro le pene inflitte ai sette uomini che avevano rapito, stuprato e poi costretto a prostituirsi la figlia - all''epoca di soli 11 anni, oggi 17enne, rapita nell''ottobre 2006, e ritrovata il 30 dicembre dello stesso anno. Il 5 giugno scorso, dopo dunque sei anni, la corte ha pronunciato la sentenza contro i sette imputati: due condanne a morte, quattro ergastoli e 15 anni di carcere. Tang, invece, aveva chiesto la pena capitale per tutti e sette. Stando a quanto riporta l''agenzia di stampa Xinhua, la colpa più grave per Tang però era di aver accusato in particolare la polizia della città di Yongzhou, nella provincia centrale di Hunan. E l''accusa contro costoro era di aver manomesso le prove contro i sette uomini, con l''obiettivo di ottenere per loro pene più leggere. La condanna della donna non è passata sotto silenzio, anzi, provocando da subito una forte indignazione nell''opinione pubblica cinese, con migliaia di internauti che hanno chiesto una riforma del sistema penale, criticando il sistema di rieducazione con il lavoro. Dopo la mobilitazione, finalmente le autorità hanno accolto l''appello presentato tre giorni fa dai legali di Tang Hui motivando il rilascio con la necessità, della figlia, di essere seguita dalla madre.


Qui sopra Tang Hui mentre mentre mostra la foto di sua figlia rapita; nella foto di copertina, la donna mentre racconta la sua vicenda ad un cronista
'