Egitto, ritorno alle spose bambine

'La Costituente sta ripensando il limite di età per abbassarlo a 9 anni. L''orrore dell''attivista politico Mustafa Al Najjar: "Salto disumano all''indietro"'

Il tribunale di Bari

Il tribunale di Bari

Redazione 18 settembre 2012
'Il Cairo, 17 set - [b]Si profila in Egitto il ritorno delle spose bambine.[/b] Secondo quanto riporta la stampa egiziana, Muhammad Saad Al Azhari, membro dell''Assemblea Costituente egiziana, ha fatto sapere che il limite per l''eta'' del matrimonio dovrebbe essere abbassato, consentendo agli uomini di sposare anche le bambine. Secondo l''illuminato deputato, "il matrimonio e'' un diritto delle ragazze", fin dal raggiungimento del nono anno, se hanno gia'' raggiunto la puberta''. Al Azhari, intervenendo telefonicamente in un programma televisivo serale, ha sostenuto che la costituzione egiziana dovrebbe prendere in considerazione le specificita'' egiziane, per esempio il fatto che i beduini del Sinai sposano ragazze molto giovani. Ogni tentativo di cambiare abitudini radicate da migliaia di anni e'', secondo il deputato, "un discorso illogico", votato al fallimento. Al Azhari ha aggiunto che, in Occidente, le relazioni sessuali complete sono consentite fin dall''eta'' di quattordici anni e sono anche studiate nelle scuole, sottolineando quindi che i valori dell''occidente e le carte dei diritti umani redatte dalle Nazioni Unite non sono necessariamente adatte per le societa'' islamiche.



Mustafa Al Najjar, attivista politico e parlamentare nella precedente legislatura, ha replicato duramente, affermando che le proposte di "alcuni salafiti" di introdurre nella nuova costituzione egiziana un testo che consenta il matrimonio fin dai nove anni e'' "un salto all''indietro, disumano, [b]un insulto per le donne egiziane e una violazione di tutte le norme sui diritti umani[/b]".'