Femminicidi: Turchia, Ong aiuta donne a difendersi con le armi

Il programma di addestramento di Sefkat-Der per le donne a rischio di violenza. Primo corso a Konya, culla dei Dervisci Rotanti. In tutto il paese è uccisa una donna al giorno.

Il tribunale di Bari

Il tribunale di Bari

Redazione 3 dicembre 2012
'Ankara, 1 dic - Una Ong turca ha lanciato un programma di addestramento alle armi per le donne a rischio di subire violenze, come riferisce la stampa di Ankara. ''''Pensiamo che il fatto che le donne sappiano usare le armi possa essere un deterrente per gli uomini che hanno intenzioni omicide'''', ha spiegato a Hurriyet la presidente dell''Ong Sefkat- Der (Associazione della Compassione), Hayrettin Bulan. "I corsi di addestramento, infatti - ha aggiunto Bulan - [b]insegneranno l''autodifesa alle donne la cui sicurezza non e'' garantita[/b] dallo Stato". Tra le discipline, una preparazione all''uso di gas urticanti, alla [i]gestione della rabbia[/i] e consigli su come fare ricorso al sistema legale. Il primo corso di addestramento per [i]Donne sotto la minaccia di violenza maschile [/i]e'' iniziato nella storica citta'' di Konya, culla dei Dervisci Rotanti, nell''Anatolia Centrale a sud di Ankara. L''associazione prevede di estendere l''iniziativa in tutto il paese.



Secondo Bulan i corsi avranno anche un impatto morale sulle partecipanti: ''''rafforzera'' il morale delle donne che temono di essere uccise''''. Secondo Bulan [b]lo stato dovrebbe concedere il porto d''armi a tutte le donne a rischio violenza[/b]. La violenza contro le donne e'' una piaga endemica in Turchia, con circa una donna uccisa ogni giorno. I reati di natura sessuale denunciati alla polizia inoltre sono aumentati del 400% nel paese negli ultimi nove anni. Stando al procuratore Veli San, nel 2011 sono stati denunciati nel paese 33mila reati sessuali, contro 8mila nel 2002.'