Nella Germania "modello" le madri non riescono a lavorare

'Un''indagine dell''Istituto demografico tedesco lancia l''allarme: nel paese sono ancora duri a morire i pregiudizi sulle madri lavoratrici. Soprattutto a ovest.'

Il tribunale di Bari

Il tribunale di Bari

Redazione 19 dicembre 2012
'Sarà un [i]modello[/i] (si fa per dire) dal punto di vista economico, ma sul fronte socio-culturale la Germania non ha proprio nulla da far invidia al resto dell''Europa. Anzi, una ricerca dell''Istituto tedesco per la ricerca demografica lancia l''allarme: in Germania, nonostante le politiche del welfare non siano inferiori a quelle del resto d''Europa, anzi in qualche caso siano superiori, [b]la crescita demografica rallenta[/b]. Le donne decidono di non fare figli.



Il motivo, secondo lo studio, è [b]soprattutto di natura culturale.[/b] Le donne tedesche, infatti, subiscono molto le conseguenze di un pregiudizio duro a morire: quello che vede [i]la brava madre[/i] a casa con la figliolanza, e la madre che lavora, [i]snaturata[/i]. Inoltre, l''uomo non viene considerato un valido sostituto. Certamente una parte di responsabilità nel calo della voglia di mettere su famiglia influisce anche la carenza degli asili nido, ma si sa: il welfare europeo non pretende che i servizi siano generalizzati.



Un altro aspetto interessante della ricerca è la [b]differenza che si rivela tra est e ovest[/b] su entrambi i fronti, sia quello culturale che quello dei servizi. Nell''est del paese, infatti, la cultura delle donne lavoratrici è più forte e - fin dai tempi del regime della Repubblica democratica tedesca (Ddr) - ci sono a disposizione più posti negli asili. Lo conferma anche un sondaggio, secondo cui solo il 36% della popolazione dell''ex Ddr considera che "un bambino piccolo soffre se la madre lavora", contro il 63% degli intervistati dell''ovest. Sull''est della Germania pesa però la difficile situazione economica: nell''ex Ddr ci sono infatti più famiglie con figli unici. Infine, l''ultimo dato: già dagli anni ''70 la Germania è tra i Paesi che fa meno figli a livello mondiale, attualmente 1,39 per famiglia. '