Donne e audiovisivo, il talento non basta

La tavola rotonda in occasione del 24esimo Sguardi ALTROVE Film Festival di Milano

Stop violenza

Stop violenza

Redazione 13 marzo 2017
'

Le ricerche europee parlano chiaro e i primi dati italiani sono incontrovertibili. Non è una questione di talento, non è più e non solo una questione di genere. Si tratta di un ritardo sociale e culturale che l’industria dell’audiovisivo rispecchia pericolosamente. Come disegnare il futuro? In che modo la Nuova Legge Cinema può contribuire a diminuire il gap tra professionisti e professioniste dell’audiovisivo, tra autori e autrici?


Queste alcune delle domande che saranno affrontate nella tavola rotonda "L''autorialità femminile nell''audiovisivo. Nuova legge? Nuove opportunità?" Appuntamento lunedì 13 marzo, dalle 10 alle 13, presso la Sala del Parlamento Europeo in Corso Magenta 59, Palazzo delle Stelline, Milano. In occasione del 24esimo Sguardi ALTROVE Film Festival torna, infatti, l''appuntamento in collaborazione con il Parlamento Europeo Uffici di Milano, DEA - Donne e audiovisivo e EWA - european women''s audiovisual network dedicato agli studi condotti sul ruolo e sulla presenza delle donne nell’industria cinematografica e audiovisiva.


Durante l’incontro – a ingresso libero - saranno presentati i risultati del progetto Dea - Donne e Audiovisivo, realizzato da un gruppo di ricerca dell’Istituto delle Ricerche sulla popolazione e le Politiche Sociali del CNR, che ha visto anche la collaborazione di Doc.It e di Siae.


Dopo aver presentato un primo rapporto al 34esimo Torino Film Festival sullo stato dell’arte della ricerca e delle buone pratiche per il riequilibrio di genere nel cinema e nel documentario, la ricerca DEA entra ora nella fase di costruzione della banca dati sulle posizioni di donne e uomini nel mondo dell’audiovisivo, partendo dalla formazione professionale.


Tra gli interventi: Maura Misiti (Istituto delle Ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del CNR), Alessia Sonaglioni (Direttrice EWA – European Women’s Audiovisual Network) e Rosaria Iardino (Presidente Fondazione The Bridge); coordina Cinzia Masotina (story editor e sceneggiatrice).


Per info:


[url"Sguardi Altrove Film festival"]www.sguardialtrovefilmfestival.it[/url]

'