Buone notizie: squarci di realtà

'Su molti giornali escono finalmente dall''invisibilità i temi delle donne, i loro diritti negati, le loro battaglie. E GiULiA trova nuovi alleati.... Di [Alessandra Mancuso] '

Stop violenza

Stop violenza

Redazione 16 luglio 2012
'

Buone notizie in un’estate contrassegnata da violenze sessuali e brutali omicidi di donne. Buone notizie dal fronte dell’informazione sempre più attenta a questa realtà e capace di riferirne andando anche oltre la notizia con inchieste e approfondimenti.


Temi che escono dall’invisibilità cui sono stati condannati troppo a lungo: solo questa settimana vogliamo citare la bella inchiesta di copertina dell’Espresso sul “delitto d’onore” che fa strage in Calabria e sulle indagini che hanno riaperto casi archiviati come “suicidi”(a firma di Lirio Abate) e la copertina di Internazionale con il servizio sul fragoroso e cruciale dibattito aperto negli Stati Uniti da Anne-Marie Slaughter (“La donna che rinunciò al potere per i figli”).


Buone notizie anche dalla stampa quotidiana: l’attenzione ai diritti delle donne in Afghanistan, la rottura delle barriere “sportive” per le donne nei paesi arabi che parteciperanno alle Olimpiadi, e il femmicidio….argomenti della settimana che hanno trovato spazio, attenzione. Avvenire, l''Unità, il Fatto, Repubblica, Corriere, per citare solo alcune testate .. . E che dire della scelta della Stampa di declinare al femminile le cariche politiche?

Segnali positivi anche nella stampa periodica e nei femminili. E qualcosa comincia a cambiare anche nei telegiornali e nelle radio.


Non più quindi solo la trivialità del Giornale, le copertine lesive e de ja vu di Panorama, e quelle scandalose di Cronaca Vera (che sui femnmicidi titola “Caldo killer”)….Lo spettro dei media comincia a essere a macchia di leopardo: il vecchio resiste, senza pudore, purtroppo, in alcune realtà; il cambiamento comincia a emergere con sempre più forza in altre.


Segno che nelle redazioni comincia a emergere lo sguardo delle giornaliste e che una sensibilità diversa si sta finalmente manifestando.

Vogliamo riconoscere anche le cose positive, non solo stigmatizzare quelle negative.


Buone notizie, dunque, per GIULIA che è nata con una duplice scommessa: dare forza e legittimità al nostro sguardo nelle redazioni; credere che anche colleghi e direttori possano esserci alleati. Da questi segnali, scommesse su cui continueremo a puntare con ancora maggiore convinzione.

'