Il Festivaletteratura e "Le parole delle donne"

Michela Murgia e Riccardo Romani intervenuti su informazione e femminicidio: gli stereotipi partono anche da noi. Di [Gegia Celotti]

Il tribunale di Bari

Il tribunale di Bari

Redazione 18 settembre 2013
'

Interessante incontro quello di Michela Murgia con Riccardo Romani, giornalista di SKY, su come l''informazione parli della violenza sulle donne e in particolare del femminicidio.

Gli esempi li conosciamo fin troppo bene: "L''amava troppo", "È stato colto da raptus", "Folle di gelosia", fino ad arrivare al "Caldo killer". Almeno seicento persone che volevano sapere come i giornalisti ne parlino; a volte criticandoci, a volte criticando le leggi, la società e i modelli culturali proposti.

Noi potremmo raccontare meglio, non usare stereotipi che mistificano la realtà e dare più spazio alle tematiche che riguardano il rapporto uomo-donna. Il nostro ruolo non dovrebbe essere solo raccontare il fattaccio quando accade, ma giorno per giorno stigmatizzare gli atteggiamenti dominanti anziché esaltarli, dare modelli diversi e non competitivi, insomma c’è bisogno di una piccola rivoluzione culturale, anche da parte nostra, che metta al centro la dignità della donna.

Il femminicidio ha portato la scrittrice a riflettere sulla nostra "educazione sentimentale" e su come non siamo stati educati all''abbandono, come "Non sappiamo dirci addio" e come, molto spesso l''amore diventi una gerarchia di potere e di possesso. Emblematico il gioco delle catene e dei lucchetti su Ponte Milvio.

Catene che rappresentano non l''amore ma l''appartenenza, la proprietà (si lega la bicicletta), la sudditanza (si legano gli animali) e la privazione della libertà (si incatenano i prigionieri). Lunga la strada per liberarci dall''idea che le donne possano essere possedute.

L''incontro è stato sponsorizzato dall''Ordine nazionale dei giornalisti che da quattro anni promuove gli incontri "Le parole del giornalismo" tra autori e giornalisti.

'