Nei media l'uguaglianza si è arenata

Costruire un futuro sostenibile per tutti, significa non lasciare indietro nessuno. Lo studio di UnWomen che vi proponiamo, purtroppo, dimostra che le donne restano un passo indietro. O due...

Una slide sulla situazione nei media dallo studio UnWomen

Una slide sulla situazione nei media dallo studio UnWomen

Redazione 23 marzo 2020

La piena ed equa partecipazione delle donne a tutti gli aspetti della società è un diritto umano fondamentale. Eppure, in tutto il mondo, dalla politica allo spettacolo al lavoro, le donne e le ragazze sono ampiamente sottorappresentate.


 


Le visualizzazioni di questo studio (versione originale al link https://www.unwomen.org/en/digital-library/multimedia/2020/2/infographic-visualizing-the-data-womens-representation) fotografano nel tempo questa immagine sbilanciata, rivelando quanto siano lenti i progressi. Radicati nelle norme e nelle tradizioni patriarcali, gli effetti sono di vasta portata con conseguenze negative e dannose sul benessere personale, economico e futuro delle donne e delle ragazze, delle loro famiglie e della comunità in generale.


 


Costruire un futuro sostenibile per tutti, significa non lasciare indietro nessuno. Le donne e le ragazze sono fondamentali per trovare soluzioni alle più grandi sfide che affrontiamo oggi e devono essere ascoltate, apprezzate e celebrate in tutta la società per riflettere le loro prospettive e scelte per il loro futuro e quello dell'umanità.


 


Quante altre generazioni sono necessarie affinché le donne e le ragazze realizzino i loro diritti? Unisciti a Generation Equality per richiedere pari diritti e opportunità o tutti.



Politica


 La rappresentanza politica delle donne a livello globale è raddoppiata negli ultimi 25 anni. Ma ciò equivale a circa 1 su 4 seggi parlamentari occupati oggi dalle donne. Le donne continuano ad essere significativamente sottorappresentate nelle più alte posizioni politiche. Nell'ottobre 2019, c'erano solo 10 donne Capo di Stato e 13 donne Capo di governo in 22 paesi, rispetto a quattro capi di Stato e otto primi ministri in 12 paesi nel 1995.




 


Fonte: Inter-Parliamentary Union (Data as of 1 January 2020); Report of the UN Secretary-General E/CN.6/2020/3



Lavoro


Nel giugno 2019, la lista Fortune 500 (le 500 maggiori imprese societarie statunitensi misurate sulla base del loro fatturato), ha raggiunto il traguardo del maggior numero di CEO donne registrate. Mentre ogni progresso è una vittoria, la somma nel suo insieme è un quadro desolante: dei 500 dirigenti che guidano le aziende con il più alto reddito, poco meno del 7% sono donne.


 


Se si considera la forza lavoro nel suo insieme, il divario di genere nella partecipazione alla forza lavoro tra gli adulti in età lavorativa (dai 25 ai 54 anni) negli ultimi 20 anni è rimasto fermo. Il miglioramento dell'istruzione tra le donne ha fatto ben poco per spostare la segregazione occupazionale profondamente radicata nei paesi sviluppati e in via di sviluppo. Le donne continuano a svolgere una quota sproporzionata di lavoro di cura e lavoro domestico non retribuiti. Nei paesi in via di sviluppo, ciò include compiti ardui come la raccolta dell'acqua, di cui donne e ragazze sono responsabili nell'80% delle famiglie che non hanno accesso all'acqua in casa




Fonti: Fortune 500 (Data as of 1 June 2019); CatalystReport of the UN Secretary-General E/CN.6/2020/3





Cultura e scienze


Conferito ogni anno per il riconoscimento dei risultati intellettuali e dei progressi accademici, culturali e scientifici, il premio Nobel è stato assegnato a oltre 900 persone nel corso della sua storia dal 1901 al 2019. Solo 53 vincitori sono stati donne, 19 nelle categorie di fisica, chimica e fisiologia o medicina. Marie Curie divenne la prima donna insignita nel 1903, quando lei e suo marito vinsero un premio congiunto per la fisica. Otto anni dopo le è stato assegnato il premio di chimica, rendendola l'unica donna nella storia a vincere due volte il premio Nobel. Sebbene le donne siano state alla base di una serie di scoperte scientifiche nel corso della storia, solo il 30% dei ricercatori in tutto il mondo e il 35% di tutti gli studenti iscritti ai campi di studio relativi alle STEM sono donne.




 


Fonte : The Nobel Foundation (Data as of 2019); Progress on the Sustainable Development Goals: The gender snapshot 2019, UN Women


 


Giornalismo


Quando si parla di uguaglianza tra uomini e donne nei media, i progressi si sono praticamente arenati.
Secondo il più grande studio sulla rappresentazione, la partecipazione e la rappresentanza delle donne nei media che copre 20 anni e 114 paesi, solo il 24% delle persone lette, viste o ascoltate su giornali, televisione e radio sono donne.
Esiste anche un tetto di cristallo per le firme delle giornaliste nei giornali e nei notiziari, con il 37% delle storie raccontate da donne a partire dal 2015, senza alcun cambiamento nel corso di un decennio. Nonostante la promessa democratizzante dei media digitali, la scarsa rappresentanza delle donne nei media tradizionali si riflette anche nelle notizie digitali, con le donne che rappresentano solo il 26% delle persone nelle notizie su Internet e nei tweet. Solo il 4% delle notizie tradizionali e delle notizie digitali sfidano chiaramente gli stereotipi di genere.
Tra gli altri fattori, gli stereotipi e la significativa sottorappresentanza delle donne nei media svolgono un ruolo significativo nel modellare atteggiamenti dannosi di mancanza di rispetto e violenza nei confronti delle donne.


 




Fonte: The Global Media Monitoring Project (Data as of 2015); Report of the UN Secretary-General E/CN.6/2020/3


 


Spettacolo


Come altre forme di media, il cinema e la televisione hanno una forte influenza nel modellare le percezioni e gli atteggiamenti culturali nei confronti del genere e sono fondamentali per spostare la narrazione nell'agenda sulla parità di genere. Tuttavia, un'analisi dei film popolari in 11 paesi ha scoperto, ad esempio, che il 31% di tutti i personaggi che parlavano  erano donne e che solo il 23% aveva una protagonista femminile, un numero che rispecchiava da vicino la percentuale di donne registe (21% ).


 


La grave sottorappresentanza delle donne nell'industria cinematografica è evidente anche nei premi: nei 92 anni degli Oscar, solo cinque donne sono state nominate per la categoria Miglior regista; e solo una donna - Kathryn Bigelow - ha vinto. E Jane Campion rimane l'unica donna regista ad aver vinto il premio più prestigioso del Festival del cinema di Cannes, la Palma d'oro, nei suoi 72 anni di storia. Le uniche altre donne ad aver ricevuto il premio - ma insieme - sono state le attrici Adèle Exarchopoulos e Léa Seydoux con il regista Abdellatif Kechiche. Se un'immagine vale più di mille parole, il messaggio vale un milione: se vogliamo spostare nozioni stereotipate del genere e riflettere le realtà delle donne, abbiamo bisogno di più donne nel cinema, sullo schermo e fuori dallo schermo.



 




Fonti : The Official Academy Awards® Database (Data as of 2020); A Brief History of the Palme d’Or, Cannes Film Festival (Data as of 2019)





Sport


Lo sport ha il potere di ispirare il cambiamento e rompere gli stereotipi di genere - e le donne lo hanno fatto decennio dopo decennio, dimostrando che di essere altrettanto capaci, resistenti e forti degli uomini fisicamente, ma anche strategicamente, come leader e game changer (un consiglio di Generation Equality: guardate la partita di tennis di Billie Jean King che cambiò la storia nel film la Battaglia dei sessi).


 


Oggi, le donne sono molto più visibili negli sport: si prevede che le Olimpiadi di Tokyo 2020 avranno, per la prima volta nella storia una rappresentanza quasi uguale di donne e uomini.  Per fare un confronto, solo 22 donne (2,2 per cento) su un totale di 997 atleti hanno partecipato per la prima volta alle Olimpiadi moderne nel 1900. Donne e uomini competeranno in quasi tutte le categorie sportive con un'eccezione: la ginnastica ritmica e il nuoto artistico sono gli eventi per sole donne e il wrestling greco-romano sono solo per uomini, anche se le donne possono competere nel wrestling di stile libero.


 


Nonostante i progressi, le donne continuano ad essere escluse in alcuni sport in alcune parti del mondo e a livello globale  sono pagate molto meno degli uomini con salari e premi in denaro. Le donne dell'ONU stanno lavorando per livellare il campo di gioco per le donne e le ragazze, anche attraverso partenariati con il Comitato olimpico internazionale e l'ambasciatrice ONU e capocannoniere della Coppa del Mondo femminile FIFA Marta Vieira da Silva.


 







Fonti: The International Olympic Committee (Data as of 2020); FIFA (Data as of 2019)


 


 


Chef


Nonostante alle donne vengano prescritti ruoli stereotipati nella cucina di casa, i vertici dell'industria della ristorazione sono rimasti relativamente chiusi alle cuoche. Come raccontato nel documentario A Fine Line, le donne devono spesso superare la discriminazione attiva e navigare in una cultura che esalta il machismo e tacitamente tollera le molestie. Assieme ad orari di lavoro lunghi, imprevedibili e inflessibili, politiche ostili alla cura della famiglia e dei bambini e salari più bassi, le donne affrontano enormi sfide quando entrano nel settore della ristorazione. I numeri corrispondono ai fatti: oggi, poco meno del 4% degli chef con tre stelle Michelin (il punteggio più alto) sono donne.




Fonte : Michelin (Data as of 2019)

Traduzione a cura di Paola Rizzi