Perché il Coronavirus farà più male alle donne

Una analisi del World Economic Forum sul virus. Le donne muoiono di meno per il Covid19, che le colpisce però sproporzionatamente in altri modi, meno ovvii. A partire dal lavoro non retribuito.

Coronavirus

Coronavirus

-Le donne rappresentano la maggior parte degli operatori sanitari e di assistenza sociale e sono in prima linea nella lotta contro COVID-19.


-Le chiusure di massa delle scuole hanno particolarmente colpito le donne perché hanno ancora gran parte della responsabilità della cura dei bambini.


-Le donne svolgono già il triplo di lavoro di assistenza non retribuita rispetto agli uomini - e prendersi cura dei parenti colpiti dal virus aumenta il carico.


 


Uomini e donne sono colpiti dagli effetti del coronavirus in modo diverso?


Una ricerca in Cina suggerisce che mentre il COVID-19 sta infettando uomini e donne in numero uguale, le donne sembrano avere meno probabilità di morire a causa del virus rispetto agli uomini.


 


Uno studio su circa 44.600 persone affette da COVID-19 del Centro cinese per il controllo delle malattie ha mostrato che il tasso di mortalità tra gli uomini era del 2,8%, rispetto all'1,7% per le donne.


 


Gli scienziati affermano che potrebbero esserci diverse ragioni per questa differenza, inclusi fattori biologici e di stile di vita. Ad esempio, gli uomini cinesi hanno molte più probabilità delle donne di fumare, il che danneggia il sistema immunitario. Inoltre, le donne tendono a produrre risposte immunitarie più forti contro le infezioni rispetto agli uomini.


 


Ma in altri modi, forse meno ovvi, il virus sembra colpire in modo sproporzionato le donne. Nel momento in cui la lotta contro il COVID-19 sta continuando, un numero crescente di donne in tutto il mondo è in prima linea. Ci si aspetta che molte di loro finiranno per lavorare  molte più ore, mentre si destreggiano tra le responsabilità domestiche come l'assistenza ai bambini.


 


Ecco alcuni esempi dell'impatto di genere del coronavirus.


 


Operatori sanitari


Le autorità cinesi hanno inviato oltre 41.000 operatori sanitari da tutto il paese per supportare il personale medico nell'epicentro dell'epidemia nella provincia di Hubei.


 


Prima del 24 febbraio, 3.387 operatori sanitari in Cina erano stati infettati dal COVID-19, di cui oltre il 90% a Hubei.


 


Più della metà dei medici e il 90% degli infermieri di Hubei sono donne, secondo la Federazione femminile di Shanghai, un ente governativo.


 


Più in generale, le donne costituiscono la maggioranza dei lavoratori nel settore sanitario e sociale - il 70% in 104 paesi analizzati dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).


 


Guadagnano anche l'11% in meno degli uomini nello stesso campo, secondo l'OMS.


 


Caregivers non retribuiti


Le donne e le ragazze svolgono già gran parte del lavoro di assistenza non retribuito del mondo.


 


Secondo l'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), a livello globale, le donne svolgono il 76,2% delle ore totali di lavoro di assistenza non retribuito, più del triplo rispetto agli uomini. In Asia e nel Pacifico, questa cifra sale all'80%.


 


Man mano che i sistemi sanitari saranno sempre più sotto pressione, molte persone con il COVID-19 dovranno essere curate a casa, aumentando il carico complessivo delle donne e aumentandone il rischio di infezione.


 


Chiusure scolastiche


Quasi 300 milioni di studenti in tutto il mondo attualmente non hanno lezione a causa della chiusura delle scuole, secondo i dati dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura (UNESCO).


 


La chiusura in massa degli asili e delle scuole in 15 paesi, nonché le chiusure più localizzate in altri 14 paesi, hanno lasciato molti genitori che lavorano con poca alternative se non prendersi del tempo libero o provare a lavorare da casa mentre si prendono cura dei propri figli.


 


Come riporta il New York Times, la chiusura delle scuole colpisce particolarmente le donne perché gran parte della responsabilità della cura dei figli ricade ancora su di loro.


 


Coloro che sono poveri, svolgono lavori di servizio che non possono essere svolti da casa e quelli senza un congedo retribuito sono particolarmente vulnerabili.


 


Un'altra conseguenza non intenzionale della chiusura delle scuole è la tensione sui sistemi sanitari, secondo l'UNESCO, con molti professionisti sanitari che lottano per trovare qualcuno che assista i loro figli.