Nilde Iotti, Madre costituente: pochezza e oltraggio di Libero

GiULiA giornaliste insieme alle Cpo di Fnsi, Usigrai e Cnog, intervengono contro l'articolo che sta suscitando giuste e forti reazioni nel mondo delle donne. Una offesa a tutte.

Nilde Iotti

Nilde Iotti

Redazione 6 dicembre 2019
Partigiana. Madre costituente. Prima donna a ricoprire la carica di Presidente della Camera: Nilde Iotti, di cui ricorre in questi giorni il ventesimo anniversario della scomparsa, ha aperto la strada a molte che, dopo di lei, hanno scelto di partecipare all'attività politica. In vita ha goduto della stima di compagni di partito e avversari politici.

Il quotidiano Libero, commentando la fiction a lei dedicata, la etichetta come “una bella emiliana simpatica e prosperosa, come solo sanno esserlo le donne emiliane. Grande in cucina e grande a letto. Il massimo che in Emilia si chiede a una donna”. Non solo: presentando l'attrice (Anna Foglietta), l'articolista la definisce “una romana bella e soda, chiamata a interpretare la più soda presidentessa della Camera”.

Ancora una volta il giornale diretto da Pietro Senaldi, con la direzione editoriale di Vittorio Feltri, si distingue in quanto a misoginia e sessismo.

Cpo Fnsi, Cpo Usigrai, Cpo Cnog e associazione Giulia giornaliste condannano il linguaggio oltraggioso e sessista, infarcito di stereotipi, nei confronti di Nilde Iotti e di tutte le donne, ennesima mancata applicazione dei principi contenuti nel 'Manifesto di Venezia', e annunciano un esposto all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, nei confronti dell'autore, Giorgio Carbone, e del direttore responsabile.