Tamponi ai giocatori della Lazio: minacce alla collega della Gazzetta dello Sport

La solidarietà di GiULiA e delle CPO di Fnsi, Ordine giornalisti e Usigrai a Elisabetta Esposito, contro la quale si è scatenato l'odio social, con insulti, aggressioni verbali, minacce sessiste.

La redazione della Gazzetta dello Sport

La redazione della Gazzetta dello Sport

Redazione 10 novembre 2020
Insulti, aggressioni verbali, minacce alla sua persona e alla sua famiglia: il clima di odio nei confronti dell'informazione ha colpito, pesantemente, la collega Elisabetta Esposito, giornalista di 'Gazzetta dello Sport', colpevole, a giudizio degli odiatori che muovono la macchina del fango sui social, di aver seguito, con professionalità, la vicenda dei tamponi dei giocatori della Lazio, su cui giustizia ordinaria e sportiva hanno aperto inchieste.

La Commissione Pari Opportunità della Fnsi, la Cpo Usigrai, la Cpo Cnog e Giulia Giornaliste esprimono solidarietà a Elisabetta e condannano fermamente un attacco violento, con la sola finalità di far tacere una voce indipendente. Espressioni come “Fai schifo puttana”, “Ti conviene lasciar perdere con questa storia: non sai cosa siamo disposti a fare pur di difendere la Lazio” e altre di inaudita violenza confermano che la categoria è, ogni giorno, sotto attacco, nelle piazze come negli stadi. Se, poi, a raccontare la verità, documentandola, è una donna questa aggressione è aggravata dalla volgarità sessista, da una idea di supremazia di genere e di disprezzo, pericolosa negazione del rispetto della parità di genere.


Cpo Fnsi, Cpo Usigrai, Cpo Cnog e Giulia chiedono che le forze dell'ordine indaghino sugli autori delle minacce e garantiscano l'incolumità di Elisabetta e dei sui familiari e fin da ora sono pronte a sostenere la collega nelle cause che riterrà di intentare per difendere la sua persona, la sua professionalità e la sua dignità.