Censis, con la pandemia le donne perdono il lavoro, ma guadagnano in stress 

A giugno 2021, nonostante il rimbalzo dell’economia, le donne occupate hanno continuato a diminuire: sono 9.448.000 (nel 2019 erano 9.869.000). [di Maria Teresa Manuelli]

La pandemia e il lavoro delle donne

La pandemia e il lavoro delle donne

Maria Teresa Manuelli 3 dicembre 2021
Dal Censis arriva la conferma di quanto la pandemia abbia colpito soprattutto le donne, tra perdita dell'occupazione e un aumento delle difficoltà a gestire lavoro e famiglia. Dal capitolo «La società italiana al 2021» del 55° Rapporto sulla situazione sociale del Paese, presentato questa mattina a Roma, emerge inoltre la netta disparità tra donne e uomini circa le conseguenze lasciate dall'emergenza sanitaria.

A giugno 2021, nonostante il rimbalzo dell’economia del primo semestre, le donne occupate hanno continuato a diminuire: sono 9.448.000, alla fine del 2020 erano 9.516.000, nel 2019 erano 9.869.000. Durante la pandemia 421.000 donne hanno perso o non hanno trovato lavoro. Il tasso di attività femminile (la percentuale di donne in età lavorativa disponibili a lavorare) a metà anno è al 54,6%, si è ridotto di circa 2 punti percentuali durante la pandemia e rimane lontanissimo da quello degli uomini, pari al 72,9%. Da questo punto di vista, l’Italia si colloca all’ultimo posto tra i Paesi europei, guidati dalla Svezia, dove il tasso di attività femminile è pari all’80,3%, e siamo distanti anche da Grecia e Romania, che con il 59,3% ci precedono immediatamente nella graduatoria. La pandemia ha comportato un surplus inedito di difficoltà rispetto a quelle abituali per le donne che si sono trovate a dover gestire in casa il doppio carico figli-lavoro.

Il 52,9% delle donne occupate dichiara che durante l’emergenza sanitaria si è dovuto sobbarcare un carico aggiuntivo di stress, fatica e impegno nel lavoro e nella vita familiare, per il 39,1% la situazione è rimasta la stessa del periodo pre-Covid e solo per l’8,1% è migliorata. Tra gli occupati uomini, invece, nel 39,3% dei casi stress e fatica sono peggiorati, nel 44,9% sono rimasti gli stessi e nel 15,9% sono migliorati.