Le lunghe radici degli stereotipi

Il convegno a Milano per presentare i risultati della ricerca di GiULiA che indaga la riproposizione, anche da parte dei media, di pregiudizi sulle donne

Giornaliste al lavoro

Giornaliste al lavoro

Redazione 17 marzo 2019
Appuntamento venerdì 29 marzo, alle 10 alle 12, col convegno "Le lunghe radici degli stereotipi. Donne e media" che si terrà a Palazzo Moriggia (via Borgonuovo, 23) a Milano.
Il convegno, promosso dalla Commissione Pari Opportunità e Diritti Civili del Comune di Milano e organizzato con l’associazione GiULiA Giornaliste presenta i risultati dell’ultima indagine di GiULiA. che, attraverso le relazioni di studiosi di linguistica, iconografia, statistica, psicoanalisi e di giornaliste esperte, fotografa la riproposizione, anche da parte dell’informazione, di luoghi comuni e pregiudizi sulle donne. Talora per svilire o ridicolizzare, ma per lo più utilizzati come automatismi, “secondo consuetudine”. Secondo i promotori, evidenziarne radici ed effetti crea consapevolezza, primo passo per il loro superamento. 

La ricerca ha il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti e della Federazione nazionale della Stampa.

Questo il programma:

- Il nostro impegno contro gli stereotipi – saluto istituzionale di Diana De Marchi
- Donne e stereotipi nell’informazione – Monia Azzalini (Osservatorio di Pavia)
- Pensare la maternità – Silvia Vegetti Finzi (Psicologa clinica, UniMi)
- La grammatica della lingua di genere: dissimmetrie semantiche e stereotipi – Stefania Cavagnoli (UniRoma Tor Vergata)
- Per amore o per follia, la parola che umilia – Camilla Gaiaschi (UniMi)
- Sport: la battaglia dei sessi – Mara Cinquepalmi (giornalista)
- Dagli archetipi agli stereotipi – Marco Goglio (psichiatra e psicoanalista)
- La libera costrizione del pregiudizio – Francesca Dragotto (UniRoma2)
- Fotografie Anni50, la sessualizzazione del corpo delle donne – Luigi Gariglio (UniTo)

Coordina: Marina Cosi, presidente di GiULiA Giornaliste

L’Ordine dei Giornalisti riconosce valenza deontologica ai crediti per i giornalisti partecipanti. Accreditamento dalle 9.30.